Nello spazio della follia…

Una parte della mia vita l’ho passata avvolto dal desiderio di ‘essere dentro..

Essere dentro alle situazioni…

…alle compagnie di amici quando ero più giovane…

…al concetto di ‘lavoro ideale’…

…devo dire che in parte sono stato ripagato da questa mia forma di desiderio ovino…

…ed è stato lì…all’apice di un ‘successo’ culminato con la soddisfazione di aspettative vane…che ho cominciato a capire che la parola successo è composta da ‘su’ e ‘cesso’…

…un luogo dove, se ci stai per troppo tempo…ti iniziano a formicolare le gambe…

….e alla lunga non riesci più a camminare….

…ho capito che ‘essere dentro’ significa non poter vedere il cielo

…significa sentirsi costretti…

…significa dire un sacco di cazzate già ripetute da altri…

…una copia di mille altre copie…

…ci vogliono così sapete?…

…belli e profumati fuori ma bruttissimi dentro…tutti brutti uguali…

…talmente brutti da non essere più…

…il nulla più totale…

…talmente brutti da non esprimere più un pensiero contro…

…da non avere più alcuna consapevolezza…

…ecco perché scrivo…

…perché questo è un piccolo spazio di cielo che ho dentro e che si fa vedere un pò…

…con le sue piogge, i suoi tramonti, le sue albe…le sue tempeste…

…e da un pò amo ‘essere fuori’…

…che piaccia o meno…

…questo è lo spazio che non deve piacere a nessuno per forza di cose…se non a me…

…è lo spazio dedicato al godimento puro…il godimento dell’anima…

…una forma meravigliosa di amplesso cosmico con la mia anima incerta…

…mi piace ‘essere fuori’…

…Sì…a volte anche nel senso di essere considerato un folle…

…lì..nello spazio della follia…è concesso molto di più che ai cosiddetti ‘normali’….

…vi aspetto…voi che se leggete e scrivete come me…

….sicuramente amate un pò di insana follia

Pubblicato da

giacomomanini

Sono uno scrittore indipendente che scrive perché ama farlo: la scrittura, come la pittura, sono le mie due grandi passioni da quando sono adolescente, sebbene non mi sia mai cimentato, pubblicando nulla fino a “ieri”. Poi una notte, svegliatomi di soprassalto, mi sono sentito chiamare sottovoce dalla musa dell’ispirazione e da quel momento, in meno di due mesi ho scritto tre romanzi, uno edito e gli altri due che verranno pubblicati nei prossimi mesi. Scrivo perché amo farlo e da oggi in poi chi avrà voglia, potrà seguirmi leggendo i miei romanzi che parlano di emozioni e sentimenti, di quegli alti e bassi della vita con cui tutti noi dobbiamo fare i conti quotidianamente. Le paure, le gioie, le frustrazioni, sono ciò che danno vita al mio mondo interiore, lo stesso mondo interiore che io, con grande umiltà, desidero condividere con chi vorrà seguirmi avventurandosi con me tra gli abissi e le cime dei paesaggi interiori che mi diverto a creare nelle pagine dei miei libri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.