E così ho cominciato a vivere

E così ho cominciato a vivere

Avrei avuto bisogno di te…vita!

…un semplice cenno con la testa mi sarebbe bastato…sono uno che apprende in fretta sai!

…e invece hai lasciato che io sbattessi inesorabilmente il muso contro i muri della mia insolente inquietudine…e poi…e poi sono quasi alla soglia dei 50 e a volte mi girano i coglioni!

…e ancora una volta, e di più…mi hai lasciato solo a sorprendermi di un tramonto a mozzafiato su quel momento d’aria libera a cui i presenti davano il nome di happy hour…e io quasi quasi ci stavo credendo!

…mentre là al fondo della baia, una sirena delusa dall’ultima mareggiata birichina, mi richiamava a se mostrandomi un seno immaturo…

…ma io lo sai, non sono mai stato bravo con le avventure salmastre che durano una notte!

…sarà per quell’odore di salsedine che lasciano sul cuscino le sue mani dalle dita affusolate, che più passano le ore e più emanano un forte odore di rancido!

A che servono, dimmi, tutti sti minuti che si susseguono dall’inizio alla fine, se nel mezzo manchi tu, Vita!

Tu, che credevo mi avresti supportato nel bel mezzo di una tempesta e invece hai lasciato che io me la cavassi sempre da solo…

…ma poi una sera…d’improvviso ho capito!

E così ho cominciato a vivere, dimenticandomi che esisti, Vita!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: