Scelgo di scegliere

Scelgo di scegliere la scelta giusta…

…la strada in salita…la terra sbattuta…

…l’uomo indifeso…

…la donna arresa, gettata, legata…

…il bambino affannato da un senso di colpa virile…

…il barcone nel mare…

…l’attesa in un attimo…

…il mare a strapiombo…

…la luna in tasca…il sole vabbè…

…aggrappati a me se hai voglia di brivido…

…la vita proposta è una grande illusione…

…ed è quasi già sera e di tempo mia cara io non ne ho più…

E Lui se la ride…

Vien voglia di ridere…a volte di piangere…

…la vetta è lontana…la valle chissà…

…se andiamo alla bassa facciam meno fatica…

Questo abbiam fatto negli ultimi anni:

…cercar scorciatoie in cambio di inganni!

E Lui se la ride…

…ma chi è questo Lui?…

Chiedilo al Don…fallo lavorare…

..che son due millenni che racconta solo storie…

…da un pulpito rotto, sgualcito..ammaccato…

…e noi che beviamo ogni liquido amaro…

…ubriachi di vita…Nutella e Juventus…

…le terga sventrate da un’ombra inquietante…

…dovremmo tacere e un pò respirare…

…allora si che sapremmo morire!

Qui, ora, o mai più

Mi alzo in punta di piedi per guardare oltre…

…ho sempre pensato che la vita potesse riservarmi chissà quali sorprese infinite proprio oltre il ciglio del mio sguardo e delle mie lune storte!

Ma il percorso è in salita per chi si affanna a cercare un perché di qualcosa che non c’è, dimenticando di porre attenzione al passo che si svolge sotto i suoi occhi desiderosi!

….e allora rivolgo tutte le mie attenzioni verso l’interno, nel luogo in cui non esiste un oltre con cui confrontarmi, in quella terra dimenticata dall’uomo perché orfana di una storia fatta di giorni e ore che si accumulano come pietre storte a cui siamo così tanto affezionati e a cui diamo il nome di vita…

…e di colpo il pensiero si ferma e mi accorgo di respirare, di vivere…di amare…la vita…

…qui, ora, o mai più…

Un giorno qualcuno capirà

Un giorno qualcuno capirà…

…e capendo smetterà di voler capire…

…perché capire equivale a limitare…

…siamo limitati perché continuiamo imperterriti a voler controllare col pensiero ogni cosa che accade davanti ai nostri occhi…

…copie di mille copie di mille copie…

…Rivoli che si scaricano a valle portati dalla forza di gravità…

…sfociamo in un mare di cui non abbiamo percezione alcuna…

…eppure siamo fatti della stessa acqua!

…risposte preconfezionate…risultato di accumuli di anni che si accatastano sopra gli anni…

…e noi ci ostiniamo a riempire le rughe sulla pelle…noncuranti dei solchi profondi che ci dilaniano l’anima…

…senza nessuna consapevolezza…

…siamo razza da quantità…la qualità non sappiamo nemmeno dove stia di casa…

…il percorso è in discesa e noi ce lo costruiamo in salita…

…ma tutto ciò che c’è da sapere si svolge sotto gli occhi della nostra mente…

…proprio qui e ora…

Il Mago Affabulatore…

Cercare di tenere sotto controllo i vari aspetti della nostra vita…

…per poi rendersi conto che non c’è proprio nulla da controllare…

…fa parte della grande Illusione Cosmica del Mago Affabulatore…

…gocce di sudore amaro su piani inclinati di inconsapevolezza…

L’altrove che uccide

Siamo abituati a considerare il tempo in termini di quanti ben definiti…

…per ogni nostra attività quotidiana, abbiamo uno schema mentale determinato e preciso, fatto di sequenze ben organizzate…

Le nostre routine…

I più fighi le chiamano..”aree di comfort”…

Come esperti piloti d’aereo, scorriamo le provvide check-list…per generare efficienza e andare diritti all’obiettivo…

…siamo come motori diesel di ultima generazione…

È il nostro modo di illuderci di averlo dominato…il tempo intendo…come fosse un sacco di farina che mettiamo in magazzino, da utilizzare quando ne avremo necessità…

Per vivere bene devi avere uno scopo…” ci dicono i furbi…o gli stolti chi lo sa…

…e per rendere più dolce la pillola.. gli attribuiscono il nome di “sogno”…

Una trappola..

…perché intanto che noi ci annichiliamo, annaspando nelle acque gelide di qualcosa che non è qui e non è ora..i secondi avanzano…

…e questo avanzare, quasi sempre ci coglie impreparati nel momento in cui la clessidra si ferma..

La vita è qui, la vita è ora…si con tutti i suoi alti e i suoi bassi, i DPCM, i lockdown…le varianti..i giornali che vendono puttanate confezionate apposta per le nostre menti sotto formaldeide…

…hanno voluto che fosse così..

…e che ci piaccia o meno, di essa, della vita, dobbiamo imparare a goderne proprio qui e ora..

…perché l’altrove è una strategia utilizzata da chi ci governa per tenerci il cappio stretto al collo…

…Un po’ come le previsioni meteo…

Ma questa è tutta un’altra storia