Perché siamo qui

Vi è un incanto nei boschi


Vi è un incanto nei boschi senza sentiero.
Vi è un estasi sulla spiaggia solitaria.
Vi è un asilo dove nessun importuno penetra
in riva alle acque del mare profondo,
e vi è un armonia nel frangersi delle onde.

Non amo meno gli uomini, ma più la natura
e in questi miei colloqui con lei io mi libero
da tutto quello che sono e da quello che ero prima,
per confondermi con l’universo
e sento ciò che non so esprimere
e che pure non so del tutto nascondere. (Lord Byron)

Lago di Garda

Credo che le risposte che andiamo cercando ogni giorno più o meno consapevolmente, appartengano alla natura, di cui siamo parte inesorabile.

Immerso nella natura, se l’essere umano riuscisse a sintonizzarsi con quel tipo di silenzio interiore tipico di certe profondità a pochi accessibili, si acquieterebbe, accoccolandosi così ad una vaga ma appagante consapevolezza del “perché siamo qui”.

Pacengo Lago di Garda

La Terra presa a prestito dai nostri figli…

Un proverbio dei nativi americani cita pressappoco così:

“Non ereditiamo la terra dai nostri antenati. La prendiamo in prestito dai nostri figli.”

Mi piace questa frase…mi piace perché si focalizza su ciò che verrà dopo e non su ciò che c’è stato prima…si concentra sui doveri più che sui diritti…si focalizza in una parola sul nostro senso di responsabilità…su ciò che possiamo e dobbiamo metterci al di là di ciò che ci metteranno e ci hanno messo gli altri per far funzionare la terra nel pezzo di pista su cui ci è richiesto di correre…

…perché la vita è una enorme staffetta…e a noi è dovuto correre e lucidare il testimone curandolo al meglio, con un unico vero obiettivo…affidarlo alle mani dei nostri figli meglio di come ce l’hanno lasciato i nostri genitori…e così via..in un gioco che si spera duri il più a lungo possibile…

Mi sa che qualcosa però è andato storto…o forse non abbiamo capito…perché ho la sensazione che tutti preferiamo sederci sugli spalti e là sulla pista nessuno abbia più voglia di correre…

…e tutti a lamentarci che un tempo la corsa era più appassionante e divertente di quanto non sia oggi…

...Mah…

Ho attraversato la vita sulle acque agitate di un mare in tempesta

Su di un pezzo di carta sgualcita, trovato riverso sul fondo del cassetto sfondato di un armadio di carta velina appoggiato al muro portante di una stamberga scrostata sita ai margini della umana ragione, poche righe scritte da mano tremante raccontavano del tesoro lasciato in eredità al mondo da Edy Barzizza. Quel testamento traballante e posticcio recitava pressapoco così:

Ho attraversato la vita sulle acque agitate di un mare in tempesta e alla fine ho imparato a danzare al ritmo incessante di una pioggia in Blues…

Edy Barzizza, fino a quel giorno considerato il matto del paese…

Edy Barzizza, l’emarginato…

Edy Barzizza, ai cui funerali una folla in delirio si mise a seguire il carro funebre danzando sulle punte dei piedi al ritmo di una pioggia in Blues…

Ascoltate la follia che sta racchiusa negli angoli bui della Vostra mente…

Ascoltatela e datele luce, datele voce, datele ritmo…

Fatela danzare..al Vostro passo…fino alla fine!

Siediti e goditi la visione

La nostra mente crea ogni tipo di chiacchiericcio; una sorta di rumore di fondo che si attiva a proprio piacimento praticamente in ogni istante della nostra giornata, sottraendo noi stessi a noi stessi, portandoci via dal “qui e ora”…

Quando questa modalità è su “on”, ci perdiamo letteralmente nella nostra mente, dimenticandoci per così dire, di sentire la vita…di permettere ai flussi e riflussi della nostra esistenza di attraversarci senza ostacoli e impedimenti…

…credo che sia più una questione di “lasciarsi vivere” che di “vivere”…credo cioè che in generale la nostra cultura sia immersa in modo indelebile e anche un po’ cialtrone, nel concetto di “controllo”…e questo ci fa male…a noi come persone, alle nostre più intime relazioni e all’intera umanità…

…pensiamo sempre troppo di avere il governo sulle nostre esistenze e quando, di solito un po’ avanti nel tempo, cominciamo a capire che questa cosa è la più grande fregatura che ci sia capitata allora, con la stessa modalità con cui abbiamo pensato di essere al timone della nostra bagnarola, ci rivolgiamo al prossimo attaccandoci come tante avide cozze agli scogli della sua vita…

Iniziamo a guardarci da fuori ogni tanto…perché la nostra vita è un film che va in onda su uno schermo là in fondo..e l’unica cosa che dobbiamo fare è abbandonarci su quelle comode poltroncine in platea e goderci la visione.

Luce o ombra?

Alla ricerca dell’equilibrio tra luce e ombra

“Luce o ombra?”…se vi chiedessi di scegliere tra una delle due, che cosa mi rispondereste?

Per una buona parte della mia vita, mosso da una visione fissa e statica di ciò che “avrebbe dovuto essere”, vi avrei risposto senza alcuna esitazione: “luce”…spinto da una visione del mondo statica che mi imponeva di gridare a me stesso e agli altri:

così deve andare la vita!…

…poi i minuti mi sono scorsi sotto i piedi fino ad arrivare vicino alla soglia dei 50 e…oggi mi domando sempre più spesso e volentieri:

così deve andare la vita secondo quale punto di vista, secondo chi?”…

…insomma non sono più tanto convinto che tutto ciò che è ben illuminato, dai contorni decisi e ben evidenti, corrisponda al “vero” e ciò che sta nell’ombra, con contorno per così dire slabbrati, sia qualcosa di fumoso e quindi falso…

…se la luce è luce, è anche perché un po’ qui e un po’ lì ci sono dei coni d’ombra dentro cui ci si può nascondere con l’intento di ristorare l’anima, togliendoci al contempo di dosso quella bacchettona e a volte insopportabile infallibilità che la luce impone…la stessa luce che, rivolgendosi al buio lo chiama “tenebra” in modo quasi dispregiativo e forse per pararsi un po’ il fondoschiena…perché la luce esige rigore..esige slogan..esige fede..cieca…bieca…sempre e comunque…

…ho cominciato, per così dire, ad apprezzare l’incertezza…a dire più spesso a me stesso e al prossimo: “boh! Non lo so...” e dentro a quella incertezza ho trovato l’energia che mi dà la motivazione per crescere e migliorare…diffidando e rinnegando chi crede di avere sempre e comunque in tasca la verità…e a tutti i costi la difende…per principio…

…e allora, siccome ho capito di amare gli outsider sempre e comunque…viva le tenebre…viva gli angoli di buio dentro cui dubitare..di se stessi in primis e poi di tutto ciò che è troppo evidente e che della propria evidenza fa un credo che va imposto…viva l’alternanza di luce e di ombra…

….viva chi continua a lottare, forte delle proprie incertezze, nel tentativo di accendere quel tipo di luce che nasce e si forgia nel buio e che rende speciale l’esistenza di ognuno di noi…la luce interiore!

E voi, cosa mi rispondereste in questo caso?

LUCE O OMBRA?

Una chiatta malmessa e scarrocciante

C’è un concetto che mi porto dietro da un pò in cui, se qualcuno dovesse mai un giorno tirare una riga su tutto ciò che ho scritto allo scopo di trovare un minimo comune denominatore, riscontrerebbe l’essenza di ciò in cui credo…sto parlando del concetto di “ricettività”…

…ovviamente mi riferisco alla ricettività della mente o altrimenti detta..”mente del principiante”…quella particolare capacità di vedere le cose della vita con occhi rinnovati ogni volta che ci sbattiamo contro…con apertura…fosse anche la millesima volta che li viviamo…senza pregiudizi o preconcetti di sorta…

Credo che il concetto di ricettività sia da considerarsi lo snodo della vita di ogni essere umano…il nucleo da cui ognuno di noi dà senso, colore e forma al mondo che lo circonda…un mondo tra le altre cose che non si limita a ricevere da noi degli stimoli, ma che a propria volta reagisce inviandoci input sotto forma di flussi di energia e informazioni che noi, in base alle nostre esperienze passate, alla nostra cultura, ai nostri filtri mentali insomma, dobbiamo cercare di interpretare..

In questa danza della vita, tutto parte da noi..dobbiamo cioè prima di tutto capire cosa abbiamo dentro, chi siamo, come pensiamo, che attitudini abbiamo, le nostre abitudini,etc, per poi solo in seguito poterci aprire al mondo che ci sta di fronte..

...se il nostro mondo interiore è buio non potremo mai vedere la luce in chi ci sta di fronte…

…la ricettività predilige una ed una sola direzione…dall’interno all’esterno…nulla che capiti nelle nostre vite avviene mai per caso…o meglio..il significato che noi diamo a quell’evento è responsabilità nostra…sta a noi riuscire comunque a trovare un perché agli alti e bassi della nostra esistenza

…e più noi siamo ricettivi..più la vita ci sorride…

…più sorridiamo a noi stessi mentre ci osserviamo dentro quello specchio gigante chiamato esistenza…più tutto sembra andare per il verso giusto…

…ma allora…che la vita non sia altro che un riflesso incondizionato di una mente che, nell’attimo in cui pensa, crea tutte le condizioni di esistenza, se stessa compresa?

…a questo quesito non so dare risposta…la mia mente è troppo incarnata per poter rispondere a quesiti che la riguardano e che guarda caso sono stati posti a se stessa proprio da se stessa…

…l’essere umano è come un capitano alle prime armi di una chiatta malmessa e abbandonata in balia delle acque in piena di un fiume ribelle, un fiume i cui due argini si chiamano rispettivamente rigidità e caos

Il suo unico vero compito è quello di imparare a proprie spese lungo un tragitto impervio, quale sia la giusta misura attraverso cui poter condurre dignitosamente la chiatta verso una meta che nessuno sa cosa sia, dove sia e soprattutto quando sarà…

È un viaggio che lo porterà a capire che l’attracco agli argini del fiume è solo una pia illusione che equivale a perdersi rispettivamente tra gli effluvi di una vita dissennata da un lato, o morire di tristezza, immerso fino al collo nelle rigidità di una vita pallosa e melmosa sull’altro argine…

…la scommessa è riuscire a mantenere la barca il più possibile stabile al centro del fiume…è lì che il capitano trova il vero senso della vita…e la ricettività, se mi passate il concetto, è il timone da cui può governare sapientemente la chiatta malmessa e scarrocciante…