Vendesi Penisola vista mare…

Occhio languido che sta in superficie..lesto nel parlare, vuoto di interesse, bisognoso di folla a buon mercato..

Ti aggrappi al sapere del prossimo rubando quello che c’è da rubare, lo lucidi, cambi qualche parola e lo getti in pasto al mondo come fosse farina del tuo sacco…e trovi pure un pò di imbecilli che ti ascoltano!

Sei bravo a parlare, di solito del nulla, piuttosto che tacere dici la tua, e ti citi intanto che parli…un po’ per provare a capire ciò che dici (ardua impresa) e un po’ perché adori ascoltarti..

Fai le prove la mattina davanti allo specchio per trovare il tuo profilo migliore, allenandoti al contempo a appoggiare le sillabe sui toni bassi della tua voce…

Hai sicuramente studiato in posti dove il bla-bla-bla si trasforma in mestiere, dove si sono inventati la folle idea che la notizia, l’informazione, la conoscenza sono un prodotto e come tale vanno venduti trasformando automaticamente chi legge in un consumatore…

Usi hashtag come se piovesse, likando chiunque non certo perché apprezzi i suoi contenuti ma semplicemente perché qualche folle tuo simile, ti ha spiegato che se metti un like a qualcuno, poi in qualche modo costui si sente in dovere di contraccambiare…e questo a prescindere da ciò che ognuno dei due sta dicendo..

..e così facendo, tu e i tuoi simili, avete trasformato il mondo in una enorme palla di spazzatura dove non importa la coerenza di ciò che si dice e di ciò che si sa, l’importante è chiacchierare del nulla…rubando concetti di qua e di là…come tante stronze gazze ladre che si gettano come iene invecchiate sui rimasugli rancidi di paccottiglia da gettare in pasto alle pecore…

Basta che se ne parli!

ha detto qualcuno…

“Viva il silenzio..”

penso io

Poi quando capisci che, per farti conoscere e per piacere ci vuole fatica, sudore, tenacia e soprattutto quando percepisci che la notorietà non può essere un fine alla lunga, bensì una naturale conseguenza di ciò che si esprime e dell’interesse che esso è in grado di suscitare grazie alla forza degli argomenti trattati, allora scegli la strada più corta: l’acquisto…banalmente ti compri la notorietà, per godere anche tu di una porzione di vista a sbalzo nel vuoto su una prateria di milioni di imbecilli come te!

Venghino Signori! Venghino!

Si vende Penisola vista mare + Giardino Uso pascolo!

Viva la conoscenza…viva chi si batte col cuore rivolto alle stelle e il naso immerso nei libri!

Il sapere non è un prodotto…

Il sapere è un privilegio..un privilegio che richiede tenacia e ardore…per questo il sapere, quello vero, è destinato ai pochi..ahimè dimenticati…in un mondo di immondizia e di spazzini (ooops, scusate di “operatori ecologici”)

…un popolo che trasforma la conoscenza in merce è destinato a perire lasciando dietro di se qualche flebile traccia a darwiniana memoria di un tempo che fu..lontano, lontano…avvolto nelle nebbie perenni dell’umana incoscienza…

Volgi lo sguardo lassù verso la tua anima sospesa..

Se ti fermi anche solo per un istante, concedendoti il lusso di uscire da quella vita pesante che ti sei costruito le cui pene inesorabilmente continui ad attribuire agli altri perché sei un codardo…avendo il coraggio di abbandonare quel desiderio di controllo costante che ti porta a dire continuamente ..”non posso..ho le mani legate” alla vita…

…beh…dicevo…se un giorno sarai in grado di sospendere il tuo essere al punto da smettere di pensare che tutto ruota attorno alla tua piccola vita…..allora e solo allora ti renderai conto che c’è un fiume là in alto che scorre lento verso il sole..

..è un fiume fatto di energia e calore..un fiume dentro cui solo gli impavidi possono bagnarsi senza rimanere scottati..

…e se avrai il coraggio di spingerti appena un po’ oltre quella quotidianità fatta di automatici comportamenti routinari che vanno avanti da secoli…

…noterai che tra le acque c’è una persona che nuota tranquilla mentre osserva imperturbabile il sole…

…non sprecare tempo (visto che credi che il tuo tempo sia prezioso ma non lo è nei modi in cui intendi tu) a cercare di capire chi possa essere quella persona..

..annusala…percepiscila…amala, come mai sei stato in grado di amare…senza chiedere nulla in cambio…

…e a quel punto capirai che essa altro non è che la tua anima attenta che attende che tu, rincoglionito dai tempi che furono, ti risvegli per una buona volta e cammini orgoglioso per la tua strada, incerta e imbattuta finché vuoi….ma così piena di liberi pensieri, così lontana da quel gregge idiota i cui confini hai contribuito anche tu, con la tua quotidianità fatta di inutili gesti ripetitivi, a costruire..

…la vita, ricordati, è altrove…è in tutti quegli attimi che si esprimono liberi guardando il cielo, mentre tu ti affanni a chinare la testa per una manciata di polvere che profuma di finto alabastro…

 

 

 

Odi lontani gli echi di voci che furono

…Odi lontani gli echi di voci che furono…

…ci fu un tempo in cui rimbombavano forti tra gli spazi incerti e timidi di un’anima sospesa e lasciata al suo inutile destino, facendo vibrare in essa note presunte profonde…

…ci furono tempi in cui ti appoggiavi sulle corde instabili di un’attesa posticcia, con un unico abbrivio nel cuore: che tutto fosse di nuovo come prima..

…ma anche le melodie più armoniche perdono impulso e ardore se nessuno è seduto in platea ad ascoltare…figuriamoci gli echi da esse prodotte…

…ora quegli echi sono solo un superficiale ricordo..passano..si fermano solo per un istante a vibrare tra le corde di impulsi ragionati…là sulla superficie di un’acqua torpida dentro cui non si specchiano più nemmeno i gatti lunatici…

…e tu sei come certe folate di vento che ti colgono all’improvviso in alcune notti di guazza estiva…

..non hai più quella capacità di addentrarti tra gli anfratti umidi, dolorosi e carnali di un amore che pareva nel centro di un eterno divenire…

…e ora quegli echi sanno solo di parole sterili senza più spinta ne portento!!

…come senza spinta e portento alla lunga sono le storie in cui uno parla e l’altro tace per bislacca convenienza…

Nutrite la bestia indomita che è dentro ognuno di voi

C’è uno spazio dentro ognuno di noi dove vive una bestia tenuta a bada dal volere comune, dalla morale, dall’etica e da ogni pensiero che ci vuole addossare l’etichetta del bravo bambino…

“Bravo il mio bambino, bravo! Così vuole la mamma…devi fare il bravo!”

Voce suadente, felpata…accarezza il ventre molle come una droga che sa di panna zuccherata e noi lentamente scivoliamo in un sonno imbecille da cui è difficile risalire mentre la voce parla sempre più lentamente…

Respira bambino mio…riiiilaaassatiiii…

…iiiinspiiiraaaa…eeeespiiiraaa….!”

Se ci fate caso è quasi un soffio fastidioso in fondo ad ogni sillaba, come sibilo di serpente che insieme attrae e distrae e avvolge e stringe, stringe, stringeeee…

…eeeee….inspiiiiiraaaaa….eeeespiiiraaaa…..

…e noi sempre più in balia di chi comanda…..

….devi staaare in casaaaaa per una, due tre…quattro..cinque…mille….inspiiiraaaa..eeespiiiraaa diecimila giornate!

…mentre fuori si sentono solo i passi dell’oca ammaestrata avvolgere le cose con il loro tonfo sordo e idiota…uno dietro l’altro…testa a destra e poi a sinistra, braccio alto teso…

…tum-tum tum-tum tum-tum tum-tum tum-tum…

La senti la prigionia che rumore che fa?…è rumore di morti..tanti morti…più di ogni malattia….

…divise, mostrine, carri…camici che parlano, dicono la loro, ognuno va per la sua strada…

ma tuuuu…inspiiira eeespiiraaaaa…

…silenzio e insieme grida..grida di un uomo solo, lassù al comando pronto a scattare ad un solo cenno della testa di uno dei suoi colonnelli…

L’uomo urla e sbraita…vuole il dominio di una razza pura..senza germi né virus nella pancia e tutto il resto del mondo fuori..il mondo sporco, giallo, contagiato….

…io voglio fuggire!

….grida il bambino riavutosi per un attimo…cerca di divincolarsi dalla stretta cullante di una finta madre prodigiosa..latte che sa di rancido…mani calde..cuore di pietra…

..Voglio viaggiare, vedere il mondo, cadere, rialzarmi, farmi male, rischiare di morire se questo è l’unico modo per vivere…

….molte storie tristi del genere umano sono cominciate da un periodo come quello che stiamo vivendo…giorno dopo giorno scivolando nella dittatura e nella mancanza di libertà….

Per questo vi dico…Fate i bravi! Ma al contempo, accarezzate la bestia indomita che è dentro ognuno di voi…datele cibo, nutrimento…ribellatevi ai tanti piccoli gesti idioti che vedete quotidianamente..alzate la voce se pensate che chi vi sta di fronte stia prevaricando i propri poteri…

…che non sia mai che un giorno ci sia da tirare fuori gli artigli per combattere di nuovo per le nostre libertà personali…e proprio nel momento del bisogno la nostra bestia sia stata trasformata in agnello docile, inerme…un gattino da compagnia posato sulle gambe della nonna mentre fa la calza davanti a una TV a tubo catodico mentre fuori il mondo esplode…

…perché allora si che sarebbe la fine!

You only live once..but…

You only live once,

…But…

…if you do it right…

“Once” is enough!

Mi piace molto questa frase; mi piace perché trasmette una sensazione amichevole e confortevole di spazio, di perdersi in uno sguardo eterno a vista d’occhio…finché ce n’è!

Dal momento in cui nasciamo fino al giorno della nostra dipartita, c’è tutto lo spazio che desideriamo ragazzi per invertire la rotta…per prendere in mano il timone della nostra vita e andare verso il sole..

..è lì sotto i nostri occhi, sempre, se solo abbiamo l’ardore e il coraggio di osservare…tutto è nelle nostre mani..dall’inizio alla fine..l’importante è andare, provare, sbagliare, ricominciare, cadere, rialzarsi…vivere…senza mollare mai…senza fermarsi..perché fermarsi equivale a ristagnare!

…Non esiste un solo, unico, stringente modo corretto per “do it right”, ma centinaia, migliaia…infiniti…come infinite sono le strade che la nostra vita può imboccare…strade in salita, in pianura, piatte, ma così piatte che…sembrano non finire mai…per una vita! Strade contorte, piene di curve, di incertezze di bivi e di binari morti…

…e per ognuna delle pianure, delle curve e delle salite affrontate c’è sempre lo spazio, tutto lo spazio che desideriamo per dire basta, cambio percorso!

…istanti, secondi, minuti..un sacco di minuti per decidere che ciò che abbiamo fatto finora non ci va più giù ed è giunto il momento di cambiare…e questo momento è il nostro momento e tutti noi abbiamo le energie e anche le competenze e soprattutto il sacrosanto diritto di decidere di lottare fino all’ultimo respiro per affermare ciò che dentro ci muove..quel prurito alla pancia che ci rende unici e perciò vivi…

..e allora sì, che giunti alla fine della corsa, getteremo lo sguardo per un ultimo istante fuori dalla finestra e ridendo, potremo andarcene con un unico, delicato, meraviglioso pensiero..

…”once” has been enough…

Be grateful

…Be grateful…

Oggi mi va di cominciare così…in pieno spirito Mindfulness…perchè mi sento così oggi..profondamente grato…nel modo più semplice che si possa riscontrare in una mattina qualunque di un venerdì 17 qualunque..

Mi potreste dire che queste due semplici parole sono niente altro che retorica…ed io sarei d’accordo con voi se non venissero da uno come me che, da quando ha sentito dentro un briciolo di consapevolezza di sé e di ciò che lo circonda, ha impostato la propria vita sulla lotta, contro se stesso per migliorarsi costantemente e contro quella parte di mondo che riteneva e tuttora ritiene profondamente ingiusta..una continua lotta..gridata, scomposta, a volte eccessiva…come sanno essere eccessivi i bisogni di esprimersi quando pare che nessuno ti stia ad ascoltare…

Poi…una mattina ti svegli…una mattina di un venerdì 17 aprile in apparenza normale, talmente normale da risultare quasi sbiadito oserei dire, e ti rendi conto che forse è necessario cambiare strategia..per sé stessi e per il mondo intero…

Ed ecco che nasce spontaneo il desiderio di sussurrare “be grateful…”…”be grateful..” per ogni cosa, per gli alti e per i bassi della vita…”be grateful..”

…always…be grateful…

E se lo ripeterai, respirando lentamente dentro quello spazio interiore avvolto nel silenzio…dopo tre o quattro respiri, come per magia, ti sentirai meglio (fidati di me) e comincerai a percepire le cose in un modo diverso…

…e una piccola luce là in fondo a un tunnel che ritenevi buio e basta, comincerà a risplendere per te e per tutta l’umanità!

Tutto fa parte di una trama già scritta e noi abbiamo il compito di lasciare che essa si esprima, di lasciarla scorrere, di lasciare che sia..senza lottare, senza metterci di mezzo, senza bisogno di opporsi…sussurrando al mattino che nasce…

Be grateful…