Il sole è di tutti

Rovistare tra le migliaia di pieghe delle debolezze umane per trovarci una storia…

…troppe pagine si sprecano per i cosiddetti potenti…troppe poche per i dimenticati…

…e se sono dimenticati, la responsabilità è di tutti…di chi non scrive di loro e per loro e di chi non va in cerca di una storia da leggere e divulgare…

Gli sconfitti della vita e dalla vita, coloro che sono stati dimenticati in un’ansa in penombra di questo fiume a scorrimento lento…di costoro dovremmo scrivere di più…per condividere le loro giornate, per portarli anche solo per un istante a contatto con la luce del sole…e farli conoscere al mondo sordo e silente..

Il sole è di tutti sapete? Eppure percepisco delle vibrazioni strane in giro che mi portano a pensare che ci sia qualcuno che crede di avere più diritto di altri di scaldarsi le ossa…

…e allora scriviamo, scriviamo, scriviamo a favore di coloro che stanno al freddo…

…perché l’unica vera cosa che conta in questa vita è generare un po’ di sano calore umano…

Nei primi 12 secondi/ In the first 12 seconds

…anni…

…seduti sulle ceneri di una vittoria lacerata…

…il materiale grezzo che consegna alla vita i suoi strali fecondi è limitato in quantità…sarà per questo appunto che lo chiamano ‘grezzo’…

..siamo noi esseri umani a trasformarlo, a plasmarlo affidandolo alle mani artigiane delle infinite variabili della nostra creatività…

…affidarsi…

…affidarsi…

…affidarsi…

…fidarsi…e col tempo la scintilla si trasforma in amore…

…anni…

…tutte le cose belle a sto mondo accadono nei primi 12 secondi…

…tutto il resto è sudore, fatica e senso dell’equilibrio…

…una macchina..la pizzeria…quattro passi…dorsi delle mani che si sfiorano ignari…

…12 secondi appunto…una miccia…l’innesco…come nella creazione…non solo alchimia umana…ma coito divino…

…e poi…anni…di totale incapacità di trasformare 12 secondi in una vita intera…

***********************************************

…years…

... sitting on the ashes of a torn victory ...

... the raw material that delivers its fruitful arrows to life is limited in quantity ... that is precisely why they call it 'raw' ...

... we human beings transform it, shape it entrusting it to the artisan hands of the infinite variables of our creativity ...

... trust ...

... trust ...

... trust ...

... trust ... and over time the spark turns into love ...

…years…

... all the good things in this world happen in the first 12 seconds ...

... all the rest is sweat, fatigue and a sense of balance ...

... a car .. the pizzeria ... four steps ... the backs of the hands that brush unaware ...

... 12 seconds in fact ... a fuse ... the trigger ... as in creation ... not just human alchemy ... but divine coitus ...

... and then ... years ... of total inability to transform 12 seconds into a lifetime ...

Sai…

Sai…

…da queste parti la luce penetra negli interstizi appena spennellati di buio…e si lascia soavemente conquistare…abbandonandosi ai ritmi indecenti di un mambo scabroso…

…nulla è mai definitivo…

…gocce di te si prendono gioco dei miei demoni impazienti…

…noi uomini di mezza via, siamo abituati a confrontarci con l’imperfezione tipica di certe notti torride d’estate…

…quando una guazza birichina toglie ogni ritmo certo al respiro e l’unico modo per salvarsi è di abbandonare l’anima stanca all’idillio dei sensi…

…nudi davanti all’eterno…

Se mi desideri…prendimi… ma ricordati di non lasciare indietro nemmeno un centimetro del mio desiderio sfrontato…

Lo so…avevo detto che non ti avrei mai domandato nulla di impegnativo…

…ma concedimi, ti prego, mezz’ora di vita e poi lascia che l’oblio si prenda finalmente gioco di me…

…sai, noi uomini di mezza via amiamo coricarci un po’ dopo l’amore ebbro

Noi, così imbecillemente umani

Guardo la luna…

…è sempre così rischioso cercare di andare oltre le ombre che proietta…

…nel tentativo di varcare una porta di una verità che brucia come sale sulla lingua…

Le parole, soprattutto quelle appena accennate, sono capaci di generare solchi..voragini dentro cui non si può nemmeno provare a volare…

…sebbene le ali siano saldamente attaccate alle nostre scapole…

Ma a che servono le ali, se chi dovrebbe volare insieme a noi è motivato da una balorda natura che ci vuole a terra…

…là dove nemmeno la polvere ha più voglia di gridare…

Peccato…peccato davvero…perché alla luce balbettante della luna sono devoti i folli, gli amori profondi e i gatti col pelo arruffato…

…e noi, noi siamo così imbecillemente umani…

Ed è lì che ritrovi la vita

Fai sforzi con la mente, nel tentativo vano di far aderire un pensiero affilato ad un cuore silente…

…‘Che fatica l’amore!’…pensi

Alla lunga, tutti quei gesti meccanici…abitudini…routine…che la società chiama ‘casa’…

…ecco non proseguire, non finire la frase..ogni tanto lascia che sia l’altro a riempire i puntini di sospensione…

…È nell’incompiuto che ritrovi l’infinito…

…Tutto il resto è solo ridicola pornografia sociale…

…insana barbarie dei sensi…

…obnubilante annichilimento dell’anima…

E poi c’è l’arte..così brutale…così vera…così diretta

Da essa ti lasci volentieri penetrare senza che la ragione si affanni a creare inutili sovrastrutture mentali…

…ed è lì che ritrovi la vita..

…in quell’attimo che precede…

Ama e…

…Ama e lascia andare..

…Ama e lascia fare…

…Ama e lascia essere…

…Lascia le parole fuori dalla porta di casa dell’amore…

…perché ogni parola è ricerca estetica e quindi arte manipolatoria…

…vivi l’amore tacendo…

…vivi l’amore godendo…

…vivi l’amore soffrendo…

…perché l’amore è sentire nel silenzio profondo della nostra anima…

…tutto il resto è un umano vagare…