“Gr-egge homo”

Chi da un po’ segue il mio blog avrà percepito una certa insofferenza da parte mia per tutto ciò che riguarda il “gregge”…

…non mi riferisco certo al gregge delle amate pecorelle…animali che fin da piccolo mi sono sempre stati molto simpatici..

…mi sto riferendo ovviamente a un altro tipo di animale da branco…il cd. “Homo capra”…

…tra le tante, una caratteristica del Homo capra ritengo essere abbastanza odiosa: sto parlando di quel particolare tipo di accondiscendenza incondizionata verso ogni cosa che viene detta da chi ricopre un ruolo pubblico o simili…la chiamo idiota deferenza…il rovescio della medaglia della quale ha un solo nome: becera codardia

È dall’epoca del “Ecce homo” ponziopilatesco, o forse anche da prima, che l’homo capra ha il vizio malsano di rincarare la dose a seguito di frasi e di slogan gettati in pasto al branco dai “potenti…” e lo fa solo per mostrare deferenza, becera…e non voglio tediarvi con tutti gli esempi di questa idiota deferenza da branco di cui è piena ogni singola pagina dei libri di storia..

”gr-egge homo” è solo un monito per ricordare a me stesso di fare un passo indietro abbracciando la “follia”, ogni volta che a spingermi in avanti è l’inerzia della folla…

…in essa, credetemi, non si trova intelligenza…ma semplice, becera idiozia da branco…

…beeeeee…

Il Coraggio

Sapete, tra tutte le qualità dell’essere umano, qual è quella che prediligo? Il Coraggio

Giovanni Falcone ha scritto:

L’importante non è stabilire se uno ha paura o meno, ma saper convivere con la propria paura e non farsi condizionare dalla stessa. Ecco, il coraggio è questo, altrimenti non è più coraggio ma incoscienza.

E’ una frase molto forte perché stabilisce un principio fondamentale, un perimetro dentro cui esprimere a pieno il proprio coraggio: esso non è assenza di paura, anzi il coraggio è la consapevolezza dei propri limiti, è riconoscere che siamo umani e in quanto tali soggetti al dominio delle emozioni primarie..paura in testa…

Il coraggio quindi è abbandonarsi al riso tanto quanto al pianto…è riconoscere apertamente di aver sbagliato senza colpevolizzarsi…è percepire di essere caduti e nella caduta trovare i presupposti e la forza per rialzarsi…

…in questo alternarsi continuo di alti e di bassi meravigliosi, il coraggio è trovare dentro l’energia per andare avanti comunque, nonostante la paura…nonostante tutto..finché ce n’è!

In esso è racchiuso il concetto di responsabilità…sapere riconoscere la propria forza nel rispetto del prossimo e delle situazioni..di chi ci sta vicino e di chi ci sta di fronte, occhi dentro gli occhi…

…ecco la magia insita nel coraggio…

…grazie ad esso puoi permetterti di toccare il cielo con un dito, mantenendo al contempo i piedi ben piantati per terra…

Ora tocca a te…dimmi un pò: qual è la qualità dell’essere umano che più ti affascina?

Connettere le proprie specificità

Secondo il noto neuro-psichiatra Daniel J. Siegel, il nostro benessere psicofisico è prevalentemente legato al concetto di integrazione che Siegel definisce come il risultato di una fusione tra un processo di mantenimento della propria diversificazione e unitarietà e quello di connessione col mondo esterno…

La nostra cifra stilistica, l’impronta cioè che lasciamo nel mondo là fuori grazie al modo in cui esprimiamo noi stessi nella particolare danza rituale di “corteggiamento” col prossimo, prende vita dalle meravigliose specificità che contraddistinguono i nostri più intimi tratti caratteristici, le nostre visioni del mondo, i nostri comportamenti, i pensieri…le emozioni, con l’unica finalità di incontrarsi a mezza via con le specificità e le diversità degli altri 7 miliardi di esseri che popolano questa terra..

Questa danza speciale e meravigliosa di mente, corpo e anima prende forza e nutrimento da 4 elementi fondamentali che costituiscono la linfa di una vita vissuta in armonia e connessione:

1. PASSIONE —> è il carburante che dà vita all’azione; quei vortici emozionali, sensazioni corporee, alti e bassi…sudori freddi..palpitazioni che ci fanno percepire che la vita si sente nel corpo oltreché nell’anima…

2. CONNESSIONE —> è la nostra parte sociale…sentirsi parte di un gruppo al cui benessere pensiamo di poter contribuire e da cui riceviamo un significato e un senso di appartenenza…

3. CORAGGIO —> il desiderio di prendersi qualche rischio, uscire dalle proprie aree di comfort per andare incontro ai nostri desideri, obiettivi, sogni…

4. IMMAGINAZIONE —> la capacità di far emergere da dentro una ispirazione creativa che ci spinge ad andare contro lo status quo, a pensare fuori dagli schemi, lontano dal volere comune..

Vi auguro una vita vissuta con PASSIONE grazie alla quale possiate intessere RELAZIONI soddisfacenti da cui ricavare quell’energia necessaria a estrapolare il CORAGGIO atto a vincere le vostre paure più o meno debilitanti con cui liberare nel mondo la vostra forza interiore creatrice attraverso cui IMMAGINARE un futuro migliore per voi e per il mondo nella sua totalità…

Curiosità è quel brivido nel cuore nascosto da mille rancori.

Ricordi quando eri bambino? Quella estatica stagione della tua vita durante la quale affrontavi ogni situazione guardandola attraverso le lenti dell’esperienza rapita e non quelle del giudizio e del pregiudizio? Ricordi che erano veramente poche le cose che non ti facevano sentire bene! Che un momento eri qui e l’altro eri lì e andava bene comunque tutto alla fine della giornata!

Bene, senza addentrarci troppo in costruzioni teoriche riguardanti il perché fosse così e soprattutto perché oggi per la maggior parte di noi è molto difficile seguire quel corso di atteggiamenti pensieri e conseguenti comportamenti, vorrei porre al centro di queste poche righe un concetto e attorno a quello costruire una parvenza di ragionamento: sto parlando del concetto di “curiosità”.

Curiosità, per come la vedo io, significa buttare sempre e comunque il cuore oltre l’ostacolo, significa sentire la paura ma non farsi bloccare da essa, significa ascoltare senza pregiudizi, andare avanti sempre e comunque con la mente aperta; al limite essere curiosi significa stare in silenzio in attesa che la vita scarichi a terra tutto ciò che ha in serbo per noi..accettandola nel bene e nel male…

Vorrei partire condividendo con voi una dichiarazione fatta da Eugene Cernan, un astronauta statunitense che ha vissuto in un’epoca in cui l’avventura nello spazio significava veramente avere nel cuore il desiderio di andare oltre..avendo la consapevolezza che erano più le probabilità di non farcela che di riuscire…

Ascoltate a cuore aperto cosa ci dice Cernan; leggete queste poche parole a voce alta e ascoltatele dal profondo:

“La curiosità è l’essenza dell’esistenza umana. “Chi siamo? Dove siamo? Da dove proveniamo? Dove siamo diretti” Non lo so. Non ho risposta alcuna a quelle domande. Non so cosa ci sia là fuori e dietro l’angolo. Quello che so tuttavia, è che voglio scoprirlo.”

Ecco, questo desiderio di scoperta era ciò che ci contraddistingueva da piccoli e che, crescendo, abbiamo via via perduto. Avevamo fame, ma non di pane; avevamo fame negli occhi e nel cuore e con quella abbiamo lasciato che la vita facesse il proprio corso, sempre fiduciosi.

Essere curiosi in altri termini, significa permettere alla nostra vita di allinearsi a ciò per cui siamo qui su questa terra in questo lasso di tempo che per quanto lungo possa essere è comunque limitato…

…una vita media si aggira intorno ai 25.550 giorni..è tutto lì…sembrano tanti ma non lo sono, soprattutto se vissuti nella modalità “autopilota”, una modalità nella quale non esiste curiosità alcuna ma solo “abitudine” e “routine”!

Vi voglio lasciare con 3 consigli per coltivare la curiosità nella nostra vita da adulti; li ho mutuati dal libro Curious di Ian Leslie:

1. Apriti senza pregiudizi a ciò che non conosci: ci si riferisce in questo caso alla curiosità verso il prossimo, i suoi pensieri, le sue emozioni, rimanendo aperti all’incontro con l’inaspettato.

2. Osserva le cose da diversi punti di vista: poniti varie domande, mettiti alla prova ogni volta che ti confronti con situazioni e/o persone nuove. Domandati se ciò che stai pensando è l’unica alternativa di pensiero possibile.

3. Non dimenticare mai che puoi imparare dal prossimo: sebbene i tuoi pregiudizi ti portino spesso a scartare a priori idee, comportamenti e messaggi provenienti dagli altri, sforzati di pensare che qualcosa da imparare da essi sicuramente ce l’hai.

Amare è lottare

Amare si può solo all’ombra del coraggio,

tutto il resto puzza di oltraggio!

Codardi del mondo, potenti della terra

voi pensate al denaro e alla vil guerra.

Che per l’amore fedele, fiero e sincero,

serve forza, fiducia e passione del Vero.

Amanti e poeti del globo rissoso,

urlate di pancia col cuor generoso.

Buttatelo avanti senza mai indietreggiare,

che in vita si crepa di paura e timore.

Le genti han bisogno di Spe per qualcosa,

che di pane e formaggio, in tavola, ce n’è a iosa.

Su allora accorrete, gridanti e gioiosi,

Amor e Coraggio oggi si fan sposi!

Non serve alcun dono di materia e cartone,

ma una sana fiducia e tanta partecipazione .