Le emozioni: “lettera di un amore impossibile…”

Web Hosting

Estratto dal mio libro “L’incertezza”

22 Maggio 2002
L’amore è amore, a prescindere dalle forme che noi esseri umani in modo forzoso cerchiamo di attribuirgli. Ma esso è come un fiume che scorre là in fondo  inesorabilmente da quando esiste l’uomo; un fiume all’interno del quale nuotano tranquille tutte le anime mentre noi quassù siamo intenti a rovinarne l’aspetto
imbruttendolo tra mille se, ma e perché. Quanto stai per leggere è un atto d’amore sebbene, ne sono consapevole, non è la forma di amore che tu avresti desiderato;
ma ricorda quello che ho scritto pocanzi: l’amore è amore, punto e basta.
Mi hai detto che fuggire è da codardi ma a volte la fuga è un atto di estremo coraggio se fatto con la consapevolezza di voler cambiare completamente vita guardando avanti e non con la speranza di risistemare il passato volgendosi indietro.
Si può fare Lucia e ti spiego come, l’unica cosa che ti chiedo è di farti meno domande possibile..
C’è un appartamento che ti aspetta a Peschiera del Garda: per l’affitto non ti preoccupare è già tutto fatto: ricordi? Nessuna domanda.
Scendendo dal treno, imbocca il viale antistante la stazione: in fondo, sulla sinistra, la banca che fa angolo.
Lì c’è una cassetta di sicurezza intestata a tuo nome: dentro troverai le chiavi  dell’appartamento, un po’ di contanti per le spese correnti.
Siamo quello che siamo Lucia anche se cerchiamo di nasconderci dietro mille maschere… siamo quello che siamo….e la coerenza verso noi stessi in primis e
poi verso gli altri, prima o poi deve prendere il sopravvento e farci uscire allo scoperto e questo vale anche per te: sennò dimmi un po’ tu che senso ha la vita.
Un abbraccio
P

A cena con Henry Miller. Barbara Kraft racconta — LUOGHI D’AUTORE

Nel febbraio del 1963 Henry Miller si stabilì a Pacific Palisades, vicino Los Angeles, nella sua casa di 444 Ocampo Drive dove trascorse la sua vecchiaia. Testimone preziosa del suo ultimo periodo di vita fu Barbara Kraft, scrittrice, giornalista del Time, collaboratrice del Washington Post, di People, USA Today e titolare del Barbara Kraft Communications and Public Relations che nel […]

via A cena con Henry Miller. Barbara Kraft racconta — LUOGHI D’AUTORE

Come si disegna un personaggio

Web Hosting

Caro lettore e scrittore,

Oggi desidero vedere insieme a te un paio di elementi da cui non possiamo prescindere se vogliamo creare un personaggio che regga all’interno della storia che stai costruendo.

Quando costruisci il profilo di un personaggio devi seguire due dimensioni:

  1. Dimensione temporale: ricordati che più sei in grado di muovere il tuo personaggio tra presente, passato e futuro più la storia si fa interessante. Qualora la tua storia si svolgesse tutta in un momento presente, a prescindere da dove tu decida di collocare quel “presunto” presente, devi essere in grado di creare uno “spazio temporale” dentro cui spingerti talmente tanto in profondità da attrarre l’infinito in un attimo. E qui entra in gioco la seconda dimensione.
  2. Dimensione spaziale: per rendere il tuo personaggio dinamico, interessante e credibile devi essere in grado di creare un setting dentro cui si muove e per setting intendo: una dimensione spaziale esteriore, o in altre parole la descrizione dell’ambiente in cui vive; e una dimensione spaziale interiore, altrimenti detta “mappa delle emozioni“, quel territorio dell’anima dentro cui il tuo personaggio trova le proprie motivazioni ad agire, si fa condizionare dalle paure, va incontro alla felicità, si strugge per il dolore.

L’incrocio delle due dimensioni sopra descritte in breve è in grado di mantenere alto quello che io definisco il tiro nella mente del lettore, cioè quel desiderio di continuare a leggere, parola dopo parola, fino a vedere la parola FINE dell’ultima pagina.

Buona domenica amico mio

Giacomo

Le descrizioni..la pittura e il viaggio…

Cari amici,

le descrizioni che sostengono la storia dei personaggi principali di un racconto, dovrebbero essere considerate alla stregua di un paesaggio sullo sfondo che fa da contorno all’istantanea che ritrae  un momento di vita dei protagonisti di un bel quadro: dovrebbero essere delle semplici spennellate dai toni sfocati e quasi sfuggenti.

Fatta questa premessa, voglio darvi qualche consiglio per rendere il modo di scrivere più fluido e dinamico quando dovete/volete descrivere un contesto nel quale sono calati i personaggi della vostra storia o le emozioni che gli stessi stanno provando in merito ad una determinata situazione che gli capita nell’evolversi dell’intreccio: cercate di inserire ciò che avete pensato di descrivere tra un dialogo e l’altro, quasi foste dei pittori che danno qualche pennellata furtiva e distratta qua e là per riempire il contorno che fa da corollario al personaggio principale.

Usate la parola in questo caso come fosse una traccia di colore dimesso, lasciando al lettore il compito di riempire i vuoti che volutamente avete lasciato, con la propria immaginazione; solo così il lettore stesso farà propria la storia, riempiendola di un significato che assume i connotati e le tonalità del proprio vissuto.

Ricordatevi che i protagonisti della vostra storia non siete voi in qualità di scrittori, bensì i personaggi che avete creato i quali, nella testa del vostro lettore, devono prendere vita con modalità e tonalità differenti in funzione dei diversi schemi mentali con cui ognuno di noi interpreta il mondo e la propria vita; ed ecco allora che l’esercizio delle scrittura diventa uno degli esercizi di stile più belli che esistano, perché scrivere in questo caso significa illuminare di immenso i milioni di differenti mondi possibili che sono presenti nella testa dei vostri lettori.

Dovreste quindi evitare quei lunghi orpelli sintattico/grammaticali del tutto avulsi dal contesto,  fatti solo di pesanti e fuorvianti giri di parole che altro senso non hanno se non quello di far vedere (a chi poi non ho mai capito?) quanto siamo bravi a districarci tra i mille andirivieni della lingua italiana.

La scrittura per me è fatta apposta per mettere le ali alle menti dei vostri lettori, permettendo loro di partire per un viaggio meraviglioso dentro sé stessi che non ha nulla da invidiare ai viaggi veri e propri che facciamo con i nostri trolley più o meno pesanti dai quali si ritorna diversi rispetto a come si era prima di partire.

E come nel viaggio, ciò che ci rimane dentro non è per filo e per segno ogni singolo particolare del paesaggio che nel nostro percorrere ha riempito il contesto, bensì le sensazioni e le emozioni provate nei diversi momenti dello stesso, così nella lettura, ciò che ci rimane dentro non sono le chilometriche descrizioni minuziose e dettagliate, ma le emozioni che il ‘non detto’ che si annida in un racconto ben congegnato ha scatenato in noi.

 

Scrivere significa suscitare emozioni senza parlarne esplicitamente

Ciao a tutti,

sento sempre più spesso dire in giro che scrivere significa avere una buona storia da raccontare. Sicuramente senza una storia che possa interessare ad un pubblico più o meno ampio, i nostri sforzi in qualità di scrittori che desiderano aprirsi al mondo lasciando qualcosa ai presenti e ai posteri sarebbero del tutto vani.

Perché parliamoci chiaro: chi va raccontando in giro che scrive solo per appagare un suo desiderio interiore sta mentendo a sé stesso.

Ma avere una buona storia non basta e soprattutto non è garanzia di successo: una buona storia raccontata con uno stile che non è in grado di generare nel lettore delle emozioni tali per cui il lettore stesso sia invogliato a proseguire pagina dopo pagina fino a leggere la parola “FINE”, rimane una bella idea senza alcun pubblico.

In giro, di persone che hanno delle storie con contenuti interessanti ce ne sono parecchie: basta entrare nel vissuto quotidiano di ognuno di noi e drizzando le antenne si possono scorgere decine e decine di storie lì pronte per essere portate alla ribalta del grande pubblico. Il punto è che rendere appetibili per il grande pubblico queste storie non è affare per tutti; ed ecco che entra in gioco il “come” o “how to” come dicono nel mondo anglosassone, queste storie vengono raccontate, cioè la capacità di amalgamare i personaggi con il loro vissuto, le introspezioni degli stessi, le descrizioni, i dialoghi al fine di creare un intreccio che susciti emozioni nel lettore il quale immedesimandosi completamente nella trama e nel vissuto dei personaggi prova le stesse sensazioni che provano loro in una folle corsa che ha un solo obiettivo: arrivare all’ultima pagina.

Scrivere quindi al di là di tutto significa suscitare emozioni e chi lo fa deve essere in grado di generarle nel lettore senza nominarle tra le parole del libro.

Si perché l’emozione è come la sensualità: nel momento in cui se ne parla svanisce il suo effetto.

Quindi se ti approcci alla scrittura consapevole di avere una buona storia, costruisci l’intreccio in modo tale da provare tu stesso, intanto che scrivi la storia, le emozioni che sicuramente il tuo pubblico proverà. Se ti emozioni scrivendo ci sarà un’altissima probabilità là fuori che qualcuno si emozioni leggendo ciò che hai scritto.