Un amore perduto…

Avea negli occhi un sentore sfumato

di un amore lontano, atterrito, svanito.

In ogni suo sguardo affacciato sul mondo

c’erano tracce di dolore fecondo.

Pareva un nonnulla a gettar l’occhio in superficie,

ma sotto la buccia..una voragine vorace

che in ogni occasione, mondana o interiore,

creava sol guai nel profondo del cuore.

Da essa sgorgavano ricordi mai spenti

di notti d’estate e di abbracci bollenti.

Nel pensiero affannoso era lì al suo fianco,

Che meraviglia! Un tempo lei era stata il suo vanto!

Percepiva i suoi gemiti e i suoi baci financo!

E la mano gentile lentamente scendea

e in ruvide carezze si prodigava,

finché nel culmine di un posticcio piacere

ripiombava nel sonno di un eterno mai dire.

L’amor trattenuto

Viveva nell’ombra, tra le pieghe del cuore,

Pensava: che bello! Qui è tutto un gran ardire!

Di istanti fugaci eran fatte le ore,

Amante del bello, del vivo, del vero,

All’oscuro di tutto l’amor sapea tenere.

Finché un bel giorno, svegliatosi avvezzo,

Dell’istante di vita ebbe ribrezzo,

E di quel che fu un tempo l’amor spensierato,

Rimase soltanto una nuvola di fiato.

E poi c’è questo vento…

…e poi c’è questo vento che sa di terra e di bosco..

a cui si abbandona il mio lato più losco

È come un richiamo che prende le vene, si struscia, mi ammalia, mi toglie catene.

Ed io che lottavo per tenerlo nascosto

Mi devo arrendere: è vero! In esso più mi riconosco!

Ahimè che disgrazia, ahimè che dolore!

Grida la gente senza nulla sapere…

Del mio vecchio io son contate le ore..

E di lontano si ode, leggero e beato,

un canto allegro, gioioso, affamato…

Ed io che credevo di dovermi adattare..

Ora riconosco: ad esso equivale morire!