L’imbecille

L’imbecille

Tronfio di sé…si aggirava per i lunghi corridoi del reparto psichiatrico, pontificando sulle ‘mancanze’ che affliggevano i pazienti..

…aveva la sicumera di colui che crede di essere altro da coloro che sta curando: in ogni sua movenza, in ogni suo sguardo e parola, c’era quella imbecille certezza che lui fosse diverso..che la follia che lui andava dichiarando di essere in grado di gestire e curare, non lo tangesse affatto…

…e poi una mattina si svegliò con le braccia intrecciate strette a causa di una camicia di forza che legava la sua parte superiore come una salsiccia..

…come si dimenava l’imbecille…mentre il nuovo imbecille impartiva comandi ai suoi sottoposti leccapiedi in merito alle cure e ai trattamenti da somministrare all’ennesimo “strano” di turno…

La prossima volta che pensi di essere tu la parte sana di un mondo folle..pensa che c’è qualcuno che ti sta guardando dall’esterno del mondo che tu credi essere la verità assoluta e che sta pensando a come mettere la camicia di forza a quello strano buffo personaggio vestito con il camice da dottore..

…un dottore strano…un dottore un po’ folle…

…sei tu..proprio tu!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: