Scrivere è un pò come giocare a nascondino col nostro cervello

Web Hosting

Caro scrittore,

in quanto forma d’arte la scrittura creativa, così come tutte le altre forme d’arte, pittura in primis, ha un impatto sul nostro cervello e quindi sul cervello di chi ci legge, che chi scrive non può non conoscere nei dettagli. E’ banale sottolinearlo, ma la scrittura creativa è una forma di manipolazione dei meccanismi di funzionamento del cervello.

Come ha scritto il neurologo americano Vilayanur Ramachandran,  esistono dei principi universali che chi padroneggia un’arte deve saper utilizzare per generare una sensazione di soddisfazione nel cervello del fruitore di quella forma d’arte.

Tre esempi di questi principi sono:

  1. RIDONDANZA o IPERBOLE: in questo caso chi scrive si diverte a esagerare a dismisura una caratteristica di un personaggio della sua storia per produrre nel cervello del lettore un effetto piacevole o inquietante.
  2. RAGGRUPPAMENTO: immaginate un romanzo i cui primi capitoli sono a se stanti e non sembrano avere nessun intreccio l’uno nell’altro; immaginate poi che l’abilità dello scrittore, nel diramarsi della storia porti quei primi capitoli iniziali isolati come delle monadi ad amalgamarsi al punto da diventare un tutt’uno organico e simbiotico. Questo modo di portare la storia fino alle pagine finali del racconto o romanzo, provoca una sensazione di piacere nel cervello del lettore perché nel momento in cui il suo cervello comincia a capire i legami esistenti nell’intreccio è come se risolvesse un dilemma e questo genera piacere e quindi desiderio di proseguire pagina dopo pagina. Quindi, dapprima tieni separati diversi ‘ingredienti’ del tuo racconto e pian piano intrecciali, come fossi un pasticcere che introduce un ingrediente alla volta perché da che la sequenza di introduzione ha la stessa importanza o forse anche più, della dose.
  3. ISOLAMENTIO: questo accade quando chi scrive prende per esempio una caratteristica di un personaggio e la fa diventare rappresentativa del tutto. In questo caso la semplificazione crea sensazione di piacere nel cervello del lettore, evitando di sovraccaricarlo con dettagli che potrebbero portare alla noia. Quindi dove puoi semplifica!

Divertiti se ti va a disegnare un racconto utilizzando i 3 elementi di cui sopra e ti assicuro che il tuo modo di scrivere assumerà dei connotati di notevole interesse.

Buona scrittura

Giacomo

A cena con Henry Miller. Barbara Kraft racconta — LUOGHI D’AUTORE

Nel febbraio del 1963 Henry Miller si stabilì a Pacific Palisades, vicino Los Angeles, nella sua casa di 444 Ocampo Drive dove trascorse la sua vecchiaia. Testimone preziosa del suo ultimo periodo di vita fu Barbara Kraft, scrittrice, giornalista del Time, collaboratrice del Washington Post, di People, USA Today e titolare del Barbara Kraft Communications and Public Relations che nel […]

via A cena con Henry Miller. Barbara Kraft racconta — LUOGHI D’AUTORE

I consigli di scrittura di John Steinbeck

 

I consigli di scrittura di John Steinbeck

http://corsidiscritturacreativa.com/2018/01/15/i-consigli-di-scrittura-di-john-steinbeck/
— Read on corsidiscritturacreativa.com/2018/01/15/i-consigli-di-scrittura-di-john-steinbeck/

MORALE DELLA FAVOLA

 

MORALE DELLA FAVOLA

Morale della favola


— Read on writermonkey.it/morale-della-favola/

AVEVAMO UN SOGNO

Web Hosting

 

AVEVAMO UN SOGNO

https://writermonkey.it/avevamo-un-sogno/
— Read on writermonkey.it/avevamo-un-sogno/

Come si disegna un personaggio

Web Hosting

Caro lettore e scrittore,

Oggi desidero vedere insieme a te un paio di elementi da cui non possiamo prescindere se vogliamo creare un personaggio che regga all’interno della storia che stai costruendo.

Quando costruisci il profilo di un personaggio devi seguire due dimensioni:

  1. Dimensione temporale: ricordati che più sei in grado di muovere il tuo personaggio tra presente, passato e futuro più la storia si fa interessante. Qualora la tua storia si svolgesse tutta in un momento presente, a prescindere da dove tu decida di collocare quel “presunto” presente, devi essere in grado di creare uno “spazio temporale” dentro cui spingerti talmente tanto in profondità da attrarre l’infinito in un attimo. E qui entra in gioco la seconda dimensione.
  2. Dimensione spaziale: per rendere il tuo personaggio dinamico, interessante e credibile devi essere in grado di creare un setting dentro cui si muove e per setting intendo: una dimensione spaziale esteriore, o in altre parole la descrizione dell’ambiente in cui vive; e una dimensione spaziale interiore, altrimenti detta “mappa delle emozioni“, quel territorio dell’anima dentro cui il tuo personaggio trova le proprie motivazioni ad agire, si fa condizionare dalle paure, va incontro alla felicità, si strugge per il dolore.

L’incrocio delle due dimensioni sopra descritte in breve è in grado di mantenere alto quello che io definisco il tiro nella mente del lettore, cioè quel desiderio di continuare a leggere, parola dopo parola, fino a vedere la parola FINE dell’ultima pagina.

Buona domenica amico mio

Giacomo